imessage on pc

mdpr1@libero.it

https://mcdvoice.review

Ricevuto da Bruno Tinti

Commenti disabilitati su Ricevuto da Bruno Tinti Varie ed eventuali

Con questo stato d’animo leggevo le ultime pagine del bel libro di Ivano Dionigi Il presente non basta ed ecco che a pagina 96 trovo scritto:
    “Efficace mediaticamente anche un tweet del tipo tradere turpi fasces populus/gaudet, «il popolo gode nell’affidare il potere al turpe» che leggiamo nella Fedra di Seneca (vv.983 sg.): feroce massima sapienziale, tanto attuale quanto incomprensibile senza un’adeguata spiegazione e conoscenza del contesto storico. Abituato a concepire il Populus romano congiunto al Senato (Senatus Populusque Romanus: con il -que che accoppia), i due capisaldi della nobile res pubblica, il destinario del nostro tweet si sorprenderà di questo giudizio spregiativo sul populus, se non si aggiunge che con Seneca il termine populus si è capovolto di segno: esso non indica più l’entità giuridicamente riconosciuta e socialmente riconoscibile del tempo di Cicerone, ma è diventato sinonimo di vulgus ed equivalente all’óchlos greco: la massa informe, la moltitudine corrotta e corruttrice che vuole consolazione e non verità.”
“Che vuole consolazione e non verità”.
Ancora una volta non resta che mandare giù l’amaro boccone.
Quale che siano i progressi delle nostre cosiddette civiltà, certi paradigmi restano immutati persino nei millenni.
Davvero sconsolante.