imessage on pc

mdpr1@libero.it

https://mcdvoice.review

‘Wind of Change’

Commenti disabilitati su ‘Wind of Change’ Varie ed eventuali

Quasi settecento milioni di visioni via Internet.
Briscola!
Chissà quanti dischi venduti.
Briscola di nuovo!
La Band tedesca degli Scorpions.
Una canzone forte ‘Wind of Change’.
E come sapeva fischiare Klaus Mene.
Un’invidia…
Va bene, dai.
Ma è roba da fine anni Ottanta, inizio Novanta.
Prima.
Trent’anni prima.
Nel 1960, di ‘Wind of Change’ aveva parlato Harold MacMillan.
Chi? direte e diranno.
Harold MacMillan, Primo Ministro conservatore allora di Sua Maestà Britannica.
Era il Nostro nella circostanza in Sudafrica.
In febbraio nella sede congressuale.
E il mondo era diverso.
E si.
E l’Impero Coloniale inglese nel Continente Nero pressoché intatto.
E all’improvviso Mac se ne esce con questa storia del vento che è cambiato.
L’aveva già detto ad Accra ma i media, duri di cervice, non avevano inteso.
Afferma (riafferma) che il Regno Unito non ostacolerà più i processi di indipendenza delle colonie.
Sentiamo ad ogni piè sospinto straparlare di ‘cambiamento’, prometterlo.
Fu quella di MacMillan una promessa alla quale fu dato seguito.
Memorabile!