imessage on pc

mdpr1@libero.it

https://mcdvoice.review

Quando i francesi volevano farsi re

Commenti disabilitati su Quando i francesi volevano farsi re Varie ed eventuali

Anni Sessanta e Settanta del trascorso Ottocento.
Due Paesi lontani tra loro quali l’Araucania e l’Isola di Pasqua.
Due contesti diversi (in Araucania gli indigeni Mapuche gradirono l’idea mentre a Pasqua occorse l’uso della forza per imporla).
Insomma, nel 1860 Orélie Antoine de Tounens proclamò il Regno appunto di Araucanía e poi di Patagonia, mentre sei anni dopo Jean Baptiste Dutrout Bornier si auto dichiarò Re di Rapa Nui.
Due avventurieri i cui reami ebbero ovviamente vita breve.
Tounens – esistono eredi diretti che si ritengono a loro volta Re di quelle terre sudamericane – fra esilio, manicomio e carcerazioni fino alla morte.
Dutrout Bornier probabilmente ucciso dagli insorti isolani se non, come qualcuno sostiene, deceduto per una caduta da cavallo conseguenza di una robusta sbornia.
Sessanta Settanta dell’Ottocento dicevamo.
E non è forse nel primo decennio dei due citati che, aiutato da un francese (Napoleone III, che dipoi lo abbandona) Massimiliano d’Asburgo diventa Imperatore del Messico e viene fucilato al Queretaro?
Bei tempi!