Altrove

Altrove

Passo davanti alla Banca XYZ e mi viene in mente il Rudy.
Non quello veterano della Legione Straniera.
L’altro.
Il più abile gabolista dei vecchi tempi.
Beh, era in quella banca che aveva il conto.
Assegni postdatati.
Cabriolet.
Giochetti vari col ‘bene fondi’.
Qualsiasi possibile ed impossibile trucco.
“Ma come fai”, gli chiedevo.
“È per via del direttore.
Quando mi chiama perché qualcosa non va, gli racconto la vita com’è.
Vorrebbe viverla ma non può.
Dieci minuti di storie sulla roulette.
Sui cavalli.
Sui dadi…
Quello che succede.
Sai che non c’è bisogno di inventare.
E si lascia intortare.
Lascia andare.
Copre.
Dio non voglia che lo mandino altrove!”