Granaglie, olio e vino

Home / Varie ed eventuali / Granaglie, olio e vino
Granaglie, olio e vino

Arrivati dal Sud.
Difficile, raro, succedesse a quei tempi.
Lui, rotondetto e scuro.
Baffi d’ordinanza.
Lei?
Chissà?
Non alta.
Non grassa.
Occhi neri nel viso quasi sempre celato.
Seducente?
Ebbe a scoprirlo il dottor C..
Aveva, la Signora, difatti necessità mediche particolari.
Soli, di frequente, pertanto i due nello studio.
E accadde che il consorte venne a scoprire la nata e persistente tresca.
Si presentò allora al dottore.
Accomodatosi alla scrivania, senza proferire parola, guardandolo in faccia, tirò fuori dalla tasca interna della giacca una pistola che poggiò alla sua destra.
Poi, dalla cartella, il blocco degli ordinativi.
Scrisse a lungo.
Quintali e quintali di granaglie.
Olio e vino in grandissima quantità.
Che poteva fare se non firmare l’impegno il medico?
Una ventina di giorni e, mentre dei due non si aveva notizia alcuna, ecco arrivare all’ordinante camion e camion di merci.
Rovinato per rovinato – il conto bancario prosciugato e non pochi debiti appresso – ospitò il tutto in un capannone affittato per la bisogna.
Erano peraltro quelli i giorni nei quali le difficoltà conseguenti la guerra in atto cominciavano a pesantemente incidere sui commerci.
Di lì a non molto, il medico, entrato con larghe disponibilità nel mercato, guadagnò decisamente bene vendendo tutto alla borsa nera.
Proprio vero che non sai mai se quanto va accadendo sia per il bene o per il male tuo!