Australia senza memoria

Australia senza memoria

Va bene, Robert Hughes l’ha scritto nel 1987 ‘La riva fatale’ (‘The Fatal Shore’).

Per questi nostri tempi, il Medioevo.

Ma è solo ricorrendo agli aborigeni sciamani (se ancora ne esistano) che l’Australia può sperare di spegnere gli incendi che la devastano.

Siccità.

Per il vero questi intermediari combattevano e sconfiggevano la siccità.

Ma perché non provare con il fuoco?

Sapeva lo sciamano quando necessariamente intervenire.

Nel centro del villaggio, due grandi e taglienti conchiglie in mano, si squarciava i fianchi facendo zampillare il sangue.

Subito, l’orizzonte oscurava, le nuvole accorrevano e le cateratte del cielo si aprivano.

Avesse l’Australia, avesse il mondo memoria!