Pena di morte per ubriachi e drogati al volante

Pena di morte per ubriachi e drogati al volante

Da sempre favorevole alla pena di morte (per quale mai ragione certi escrementi umani quali, per dire, i pedofili, i violentatori e gli autori di efferati omicidi devono continuare a vivere?), trovo problematica la sua applicazione in tutte le circostanze nelle quali non si ha certezza assoluta della colpevolezza dell’accusato.

Ora, venendo a noi e ai nostri tempi, quando un guidatore in documentato e indubitabile stato di ubriachezza o sotto effetto di droghe varie – condizioni che sono verificabili e portano a superare i predetti interrogativi relativi alla responsabilità effettiva – provoca un incidente, mortale o con feriti che sia, la pena capitale mediante un colpo di pistola alla nuca va immediatamente applicata, gettando poi il cadavere in una discarica.

E non si dica che le esecuzioni sarebbero innumerevoli perché dopo averne debitamente pubblicizzate tre, quattro o cinque i predetti escrementi umani eviterebbero di guidare in quelle condizioni.