Inescusabile errore concettuale storico ne ‘Il Padrino, parte terza’

Inescusabile errore concettuale storico ne ‘Il Padrino, parte terza’

Correndo il cinquantesimo anniversario della ‘prima’ de ‘Il Padrino’, ho rivisto negli ultimi giorni l’intera trilogia (1972, appunto, 1974 il secondo, 1990 il terzo).
Numerose, ovviamente, le parti di grande rilievo scenico e molti gli interpreti ‘minori’ (oltre ai protagonisti) capaci di illustrarsi, non pochi tra i quali gli italiani (cito solo Gastone Moschin e Leopoldo Trieste), laddove le vicende narrate hanno svolgimento nel nostro Paese.
Punto di forza fondamentale in ognuno dei tre capitoli la sceneggiatura che bene merita la definizione ‘di ferro’ a suo tempo in casi del genere in uso.
Dovendo rappresentare un secolo di vita non limitatamente ai Corleone, ma, attraverso loro, sociale, nei due differenti (e uguali) ‘mondi’ (la specifica New York è ‘siciliana’), le vicende storiche di buona parte del Novecento operano, debitamente elaborate se opportuno al narrare, da sfondo e supporto.
Forzate a ben vedere soprattutto nel terzo episodio.
È qui che si colloca un imperdonabile errore concettuale nel dialogo.
Un errore assolutamente comune ma non per questo – anzi – scusabile.
Chiamato difatti al momento della nomina a Papa a scegliere il proprio nome, il Cardinale Lamberto risponde “Ioannes Paulus primus”.
Orbene, la declinazione numerica “primo, secondo, terzo…” quanto ai nomi dei regnanti (così come, per dire, dei conflitti) non ha inizio con il “primo” ma con il “secondo” che lo assuma .
Venendo all’oggi per meglio chiarire, Papa Francesco è “Papa Francesco” e diventerà eventualmente “Papa Francesco primo” solo se e quando un successore decidesse di chiamarsi “Francesco” la qual cosa porterebbe questi ad essere “Papa Francesco secondo”.
La risposta corretta che nel film avrebbe pertanto dovuto essere data dal predetto Cardinale (una rappresentazione forzata di Albino Luciani) era “Ioannes Paulus” e basta!
(Venendo agli accennati conflitti, la “Prima Guerra Mondiale” o la “Prima Guerra di Indipendenza” sono così definibili perché dopo hanno avuto luogo la “Seconda Guerra Mondiale” e la “Seconda Guerra di Indipendenza”.
Se così non fosse accaduto non sarebbero ricordate come “Prima”.
Per definire: non si chiama “Prima” la “Guerra di Secessione” o “Guerra Civile americana” che è unica e che diverrebbe “Prima” solo nel caso e nel momento in cui – esiste un bellissimo film tv che si chiama ‘La Seconda Guerra Civle Americana’ – ne scoppiasse una “Seconda”.
Errore senza rimedio e senza scuse, inaccettabile, nel quale, come detto, cadono praticamente tutti, ma, non per questo perdonabile!!!