25 settembre e non solo

25 settembre e non solo

Con riferimento allo scioglimento delle camere ad opera di quel tale che – mai una sola volta nella precedente vita all’altezza – aveva giurato che non avrebbe accettato un secondo mandato quirinalizio salvo poi insediarsi di corsa, l’unica cosa sicura che si può dire è che ha convocato gli elettori alle urne per il 25 settembre avendo senza dubbio in mente in qual modo ‘intortarne’ l’espressione ove risultasse contraria ai desideri suoi e degli accoliti, come da decenni puntualmente accade…
Facile invero che il poveraccio (in Famiglia, in questo modo definiamo da sempre i miserelli) riesca a condurre in porto la piratesca, fraudolenta, azione, dato che lo schieramento opposto ha – quasi ne godesse – nel DNA la sconfitta più rovinosa.
Ciò inutilmente osservato, ‘stacco’ qui definitivamente l’attenzione dal tema.
Ben altri e infinitamente più interessanti gli argomenti culturali ai quali dare quotidianamente ascolto e a proposito dei quali riflettere.

P. S.
Al riguardo, per dire:
sette e undici!
Causa le infinite malattie sopportate e i medicinali assunti a valanga (credo: nessuna certezza, non poche indicazioni), posso oggi non da oggi ‘contare’ sulla bellezza di sette denti superiori e undici inferiori.
Dipende dai momenti,
capita che mi congratuli con me stesso perché costretto dai dolori a mangiare meno e pertanto a dimagrire
occorre che proprio per la sofferenza mi voglia mandare a quel paese.
Ora, venendo al riferimento culturale (nel Mondo dell’Azzardo), quando nei Casinò vediamo le scene nelle quali un giocatore tira i dadi (quelli americani, due, non fate confusione), la regola dice che se al primo colpo realizza proprio sette o undici ha vinto (dopo di che, altri essendo gli esiti della giocata, le cose si complicano).
Mille anni fa, sui Treni veloci Milano/Roma e viceversa, si poteva fumare solo nelle carrozze numero sette o undici.
Mi chiesi allora senza trovare documentazione se il funzionario che aveva in cotal modo deciso fosse un amante dei predetti e beneamati dadi americani.